Pubblicato Venerdì, 23 Ottobre 2020
Scritto da Comune di Atri

  
GIORNATE FAI D'AUTUNNO: ATRI PROTAGONISTA

In primo piano: Monetazione e Storia della città

I convegni possono essere seguiti in streaming su Facebook
alle pagine
Comune Atri e FAI delegazione Teramo

- 24 e 25 ottobre 2020- 

Dopo l’ottima riuscita delle prime due Giornate FAI d’Autunno 2020 ad Atri, lo scorso fine settimana, domani e dopodomani (24 e 25 ottobre 2020) torna nella città ducale l’appuntamento con l’arte e la cultura per scoprire i tesori nascosti di questa splendida località. Il programma prevede la possibilità di visitare, a orari scaglionati e con ingressi contingentati tre palazzi storici: Palazzo Ducale, Palazzo Sorricchio e Palazzo Cardinal Cicada, oltre alla Cattedrale e alla Riserva Naturale Regionale Oasi WWF dei Calanchi di Atri con escursioni guidate. Nei palazzi è possibile ammirare i documenti storici del fondo pergamenaceo e altri documenti provenienti da biblioteche pubbliche e private. Il programma è arricchito anche da due conferenze: il 24 ottobre alle 17,30 si parlerà della “Monetazione di Hatria” e domenica 25 ottobre alle 10,30 ci sarà il convegno “Atri meravigliosa. Arte, Storia e Natura”. Nel rispetto del nuovo DPCM che non prevede la partecipazione del pubblico a convegni e riunioni, sarà possibile seguire entrambe le conferenze via streaming attraverso le pagine Facebook FAI Delegazione Teramo e Comune Atri.

L’incontro sulla “Monetazione di Hatria” vedrà la partecipazione delle numismatiche dell’Università D’Annunzio Chieti-Pescara Mariacristina Mancini e Oliva Menozzi, le quali affronteranno il tema “Hatria e le sue monete, problematiche aperte”. Il numismatico Gianluca Mandatori dell’Università La Sapienza di Roma relazionerà sul tema “Tra Sileni e delfini: tipologie e distribuzione delle monete atriane” e Alberto D’Andrea dell’Accademia Italiana di Studi Numismatici, si occuperà de “I tipi nella monetazione di Hatria”. L’incontro “Atri meravigliosa. Arte, Storia e Natura” sarà curato dal professor Roberto Ricci.

Tra i materiali più preziosi che possono essere ammirati, nelle Cisterne Romane del Palazzo Ducale c’è l’esposizione dei documenti del "Fondo Pergamenaceo" e dello Statuto di Atri del 1503 facenti parte dell’Archivio della Sezione Storica del Comune di Atri; l’"Asse": reperto della monetazione atriana; la serie completa artisticamente ricostruita della monetazione atriana di Giovanni Zanni e stampi per l'antico procedimento di fusione. Nel Palazzo Sorricchio, che ha riaperto dopo 100 anni, sono esposti i manoscritti di Nicola Sorricchio, gli Annali Acquaviviani e i Monumenti Adriani; nel Palazzo Cardinal Cicada è possibile ammirare i documenti del “Fondo Rosati" e gli elaborati grafici storici della Scuola Arti e Mestieri di Atri, della Biblioteca Dèlfico di Teramo. I tre palazzi sono visitabili dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 17,30. Nelle due giornate sono previste anche visite guidate alla Cattedrale in particolare il ciclo pittorico di Andrea Delitio nei 600 anni dalla nascita: il 24 ottobre dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 17 e il 25 ottobre dalle 9 alle 11 e dalle 15 alle 17. Le visite sono a contributo con prenotazione online su www.giornatefai.it. L’iniziativa si avvale del patrocinio del Comune di Atri e del contributo della Fondazione Tercas.

Anche questo fine settimana – commenta l’Assessore alla Cultura del Comune di Atri, Domenico Felicione la nostra città mette in mostra i suoi tesori nascosti per le Giornate FAI d’Autunno nel pieno rispetto delle normative anti contagio da Covid-19. I due convegni potranno essere seguiti in streaming garantendo anche a un più ampio pubblico di poterli seguire. Ringrazio il capo delegazione FAI di Teramo Pietro Costantini per l’instancabile lavoro, la Fondazione Tercas e tutti coloro che hanno lavorato per la riuscita dell’iniziativa”.

Anche questo fine settimana – commenta il Capo Delegazione Pietro Costantini – ci ritroveremo nella splendida Atri per scoprire le sue bellezze e conoscerne meglio la storia. E’ una edizione difficile, compromessa dalle regole anti contagio, ma siamo riusciti a garantire lo svolgimento degli appuntamenti in sicurezza e il pubblico ha dimostrato grande serietà e rispetto delle regole. Grazie all’Amministrazione Comunale di Atri per la collaborazione e in particolare all’Assessore Felicione per la sua tenacia e la sua voglia di fare”.