LA CULTURA CHE CREA PONTI

Inaugurata ad Atri la V edizione di “Stills of Peace and Everyday Life
progetto internazionale quest’anno dedicato al confronto con il Marocco

E’ stata inaugurata ieri, sabato 7 luglio 2018, alle 18,30 – con la presentazione nel Cortile di Palazzo Acquaviva ad Atri, la V edizione di Stills of Peace and Everyday Life, progetto internazionale della Fondazione Aria, finalizzato a costruire una connessione tra l’Italia e le diverse culture nel mondo. Il progetto, dopo aver creato un saldo gemellaggio con Pakistan, Spagna, Francia, Cina, quest’anno incontra l’arte e la cultura del Marocco. Anche quest’anno Stills of Peace conferma il prezioso connubio con il Comune di Atri e si avvale di prestigiose collaborazioni. Tra i sostenitori del progetto anche la Fondazione Tercas. Presente all’inaugurazione anche l’Ambasciatore del Marocco Hassan Abouyoub il quale ha ricordato i tanti elementi in comune tra i due Paesi. Sempre ieri c’è stata l’inaugurazione delle scuderie e cisterne ducali dopo i lavori di ristrutturazione.

Tre le mostre inaugurate ieri ad Atri: “Materia Prima” di Fatiha Zemmouri, a cura di Paolo De Grandis con il coordinamento di Carlotta Scarpa, PDG Arte Communications, in collaborazione con Galery38 di Casablanca, e “Infinitamente” di Alberto Di Fabio, a cura di Antonio Zimarino negli spazi delle Scuderie Ducali. Nel Museo Archeologico inaugurata la mostra fotografica “Amazigh: Berberi del Marocco” di Luciano D’Angelo a cura di Sandra Fiore. Novità di quest’anno è il progetto Stills of Peace for Children patrocinato dall’Unicef, per il quale una scuola primaria di Orsogna è stata individuata per un progetto di fotografia analogica dal quale è stato creato un video intitolato ‘Come una magia’ di Paolo Dell’Elce, un lavoro che può essere visionato negli spazi del Museo Archeologico. Tutte le mostre sono visitabili fino al 2 settembre 2018.

La quinta edizione di SoP coinvolge anche un’altra sede, lo splendido Museo Barbella di Chieti dove oggi, domenica 8 luglio, alle 19,30 ci sarà l’openinig di “Depth of the sea” di Fathiya Tahiri a cura di Paolo De Grandis con il coordinamento di Carlotta Scarpa, PDG Arte Communications in collaborazione con Galery38 di Casablanca. Domani, lunedì 9 luglio si torna ad Atri, per l’ormai immancabile e apprezzatissimo appuntamento con il cinema in lingua originale con sottotitoli in italiano. L’inaugurazione della rassegna CineMorocco a cura di Pino Bruni, è in programma alle 20,30 nel Cortile di Palazzo Acquaviva con la proiezione del film di Faouzi BensaldiWWW: What a Wonderful World” a ingresso gratuito.

Stills of Peace è una iniziativa dal grande valore culturale, vanto della nostra città – commenta l’assessore alla Cultura del Comune di Atri, Domenico Felicione che si avvale di partnership prestigiose e importanti e che consente in ogni edizione di conoscere altri paesi attraverso il linguaggio artistico, uno strumento fondamentale per abbattere le barriere mentali e favorire l’incontro tra diverse culture. La presenza dell’Ambasciatore del Marocco Hassan Abouyoub, ha impreziosito l’incontro di ieri, ringrazio i curatori delle mostre e tutti gli artisti coinvolti, la Fondazione Tercas e la Fondazione Aria e tutte le importanti realtà coinvolte per la riuscita di questa importante e valida iniziativa. Stiamo pensando al futuro, l’idea è quella di estendere il progetto ad altri campi: alla musica, alla letteratura e alle altre forme artistiche dei Paesi che vengono individuati dal progetto”.

“Sono lietissimo di essere ad Atri- ha detto l’Ambasciatore del Marocco, Hassan Abouyoub - per questo evento che sta riportando l’attenzione sulla storia millenaria tra due Paesi amici, l’Italia e il Marocco, e in questi momenti difficili, di conflittualità, penso che con la cultura, lingua universale, si possa aiutare a far capire la necessità e l’importanza del vivere insieme”.