LA NOSTRA CITTA' IN VETRINA

UN GRANDE APPUNTAMENTO CON L'ARTE E LA CULTURA

Quattro tele di inestimabile valore esposte ad Atri alla presenza di Vittorio Sgarbi
L’iniziativa rientra nel progetto Cerrano Family Festival

Quattro opere di inestimabile valore di proprietà del Comune di Atri, sinora custodite negli ambienti sicuri di banche del territorio, saranno esposte per la prima volta ad Atri sabato 2 giugno 2018 in occasione dell’incontro pubblico con il noto critico d’arte Vittorio Sgarbi, il quale alle 21,30 sul palco di Piazza Duomo commenterà e illustrerà l'intero patrimonio artistico della città ducale e in particolare le tele in mostra. Si tratta di quattro pregevoli opere, tre delle quali del 1900 - una di Aligi Sassu, una di Remo Brindisi e un’altra di Ernesto Treccani – e una titolata “Adorazione dei Re Magi”, presumibilmente del 1614 di autore incerto e che, secondo gli studi dello storico dell’Arte Ferdinando Bologna, potrebbe essere una copia del grande disegno di Baldassarre Peruzzi eseguita da Simon Vouet. Le opere verranno analizzate e studiate da Sgarbi anche per cercare di conoscere ulteriori dettagli sulla loro storia e successivamente, come proposto dall’Assessore alla Cultura al Comune di Atri, Domenico Felicione, verranno esposte in mostre permanenti nei musei della città ducale. Un ulteriore elemento per favorire il turismo di una città ricca di arte e cultura.

L’iniziativa rientra nel più ampio calendario di eventi del Cerrano Family Festival, la maratona di manifestazioni del progetto di promozione turistica regionale, Abruzzo Open Day Summer 2018, che dal 1° al 24 giugno si svolgerà nei comuni di Atri, Roseto degli Abruzzi, Pineto e Silvi. Il Festival sarà inaugurato domani, venerdì 1° giugno, ad Atri con l’iniziativa “Alla scoperta di opere e meraviglie della città ducale”. Alle 10,30 – all’interno dell’Atri Cup a cura dell’Associazione Abruzzo Ontario e con il supporto dell’Amministrazione Comunale - ci sarà la Corsa di Miguel, gara in memoria del podista e poeta argentino Miguel Sanchez che il 9 gennaio del 1978 venne rapito da un commando paramilitare diventando uno dei quasi 30mila desaparecidos, vittime della dittatura. La corsa si svolgerà tra le meraviglie monumentali del centro storico e alle 21,30 in piazza Duomo, si parlerà, alla presenza dei giornalisti della Gazzetta dello Sport Valerio Piccioni e Giorgio Lo Giudice, dei valori e degli aspetti sociali della Corsa di Miguel con tre campioni olimpici: Danielle Masala, ex pentatleta italiano, ha conquistato 14 titoli assoluti a squadre e 10 titoli italiani individuali; Michele Maffei schermidore italiano che ha partecipato a quattro edizioni dei Giochi Olimpici e a dodici edizioni dei Campionati del Mondo e Manuel Estiarte ex pallanuotista spagnolo che con la Nazionale ai Giochi Olimpici ha conquistato un oro nel 1996 e un argento nel 1992.

Il 2 giugno ad Atri il focus si sposterà come detto sull’Arte: al mattino verrà inaugurata al Museo Archeologico la mostra Le Meraviglie della Città Ducale. Alle 17,30 prenderà il via l’iniziativa Alla scoperta dell’ipogeo di Atri: un viaggio affascinante nei luoghi sotterranei della città e alle 21,30 sul palco di Piazza Duomo Vittorio Sgarbi parlerà del grande patrimonio artistico di Atri, città che il noto critico d’arte ha già avuto modo di conoscere circa un anno e mezzo fa quando portò in scena l’apprezzato spettacolo Caravaggio.  Domenica 3 giugno alle 17 ci sarà un incontro sul dialetto locale nel cortile del Museo Archeologico e alle 21 nel Teatro Comunale lo spettacolo teatrale degli studenti dell'I.I.S. Zoli di Atri, Fantasmi da legare.

La rinnovata presenza di Vittorio Sgarbi ad Atri – commenta l’Assessore alla Cultura, Domenico Felicionetestimonia l’interesse per l’alta qualità del patrimonio artistico della nostra cittadina. Una località ricca di arte e tesori preziosi che il noto critico ha apprezzato restandone affascinato. Le quattro opere sinora custodite per sicurezza negli ambienti sicuri delle banche saranno d’ora in poi esposte in mostre permanenti nei musei della città, fruibili per tutti gli appassionati e l’opera di autore incerto sarà ovviamente oggetto di ulteriori studi, già avviati dall’amministrazione guidata da Valeria Pirocchi, e che proseguiranno grazie alla all’interesse dimostrato da Sgarbi”.

Il progetto Cerrano Family Festival, finanziato dalla Regione Abruzzo, è organizzato dalla DMC Riviera dei Borghi d’Acquaviva in collaborazione con i quattro comuni e diverse associazioni del territorio.