RIFLESSIONI

ADEGUAMENTO SISMICO SCUOLA ELEMENTARE

Che dire, generalmente quanto si rifà la facciata, per così dire, il “restyling” di una opera pubblica, di un edificio pubblico, che peraltro ha avuto problemi progettuali, di gare per  aggiudicazioni dei lavori, di affidamenti, di inizio lavori, di lavori iniziati, ma che nessuno vedeva, verificava, ma che solo gli amministratori atriani, Sindaco e Assessore

alla Pubblica Istruzione, vedevano, bontà loro soli, ed assicuravano loro agli scettici cittadini utenti, Comitato per la Sicurezza delle Scuole,  anche, ripeto, ai più scettici,  lavori he si stavano comunque facendo etc. etc.  Ed ecco,  di punto in bianco, gli stessi lavori, dopo un cambio d'impresa appaltante, gli stessi iniziano rumorosamente, demolitivi, decisi come non mai. Lavori  imprevedibili ai più, rispetto al supposto progetto che era “solo” di “adeguamento sismico” della Scuola Elementare di V.le Umberto I°. Lavori, che si ritengono non più essere di adeguamento sismico, ma ben altro, visti i mezzi ivi presenti e messi all'opera in quel contesto di cantiere, che hanno anche fatto posticipare la riapertura, se basta, della Scuola al 15 Gennaio p.v.. Ma  del progetto in essere,  nessuno sa cosa è diventato rispetto al progetto iniziale, o sarà poi a lavori compiuti, se ed a quale progetto, ci si riferisce? Insomma, ad esempio: “rimarrà la capacità recettiva della medesima, così come era prima? Ci saranno le aule dovute? Ci saranno ancora le gradinate della ex Palestra? Ci sarà la Palestra?” Insomma, ma il popolo, nulla deve e può conoscere? Dico ancora, ma se i soldi sono degli amministratori e dell'Assessore allora nulla da dire, ma, mi sembra diversamente, quindi perchè non  renderli edotti di quello che hanno deciso lor  amministratori avveduti? Sicuramente dediti questi, in 10 anni dedicati all'interesse pubblico, a questo benevolo ruolo e non diversamente, vero?

Insomma, dicevo, volevo sapere,  cosa ci  volete fare con questa scuola, e quale progetto ultimo è stato definito, con quali soldi, ne avete deciso la finalità e la sicurezza prevista? Generalmente, stante  di così palese interesse, la stessa avrebbe dovuto essere di massima conoscenza e condivisione per quanto deciso, ovvero con gli organi istituzionali della scuola, sia per quanto deciso anche in variante, con quello poi, di seguito invece realizzato, o che si sta realizzando, che di certo non è quello iniziale come progetto, almeno così pare ai più, oppure, come al solito mi sbaglio? Nessuno ne sa nulla, penso nemmeno le, o la OPPOSIZIONE PD, che anche su questo appare “silente”, in un “silenzio stampa”, forse per punizione per quanto detto, anzi, non detto, e non fatto in questi 10 anni di NON opposizione? E, purtroppo, se non sta attento, ci rimarrà ancora per altri 5, giacchè si rivoterà a Marzo, o giù di li, anche per il rinnovo dell'Amministrazione Comunale qui in Atri, e non mi risulta che ci si stia preparando al meglio a questo importante avvenimento o progetto per creare un'alternativa. Anzi, da quello che vedo e verifico, ci sono strane volontà e zone d'ombra in questi comportamenti, che sicuramente non fanno presagire nulla di buono per un'alternanza ad “ATTILA”, che ha governato, purtroppo, indisturbato per 10 anni, ripeto, la città dei Duchi d'Acquaviva.

Quindi, chi sa qualcosa, la curiosità è legittima, prevale in molti, e questo purtroppo ancora per poco, penso, prima che che ciò finisca del tutto, ed Atri cada nell'oblio di un paesetto dell'entroterra, diteci qualcosa, per favore!!! Fateci sapere qualcosa, cari signori amministratori,  Sindaco, Assessore candidato a futuro Sindaco, anche perchè siamo noi, i cittadini utenti, quelli che pagano le tasse , oltre le prebende per  vossignori amministratori attuali. OK!!!! Grazie !!!   Scusate l'ardire di questa nostra. Buon Anno !!

Mario Marchese, Circolo della Sinistra Indipendente-E. Berlinguer-Atri